Vargas ci prova, Gilardino non molla

28-03-2010 -

NON SARĂ€ una domenica come le altre. E non potrebbe essere altrimenti. Le ultime 48 ore hanno portato con sé un fiume in piena di dichiarazioni. Prima Diego Della Valle, poi Cesare Prandelli. Annebbiando l´orizzonte del futuro gigliato. Con il rischio concreto, fra l´altro, che la gara di oggi finisca in secondo piano rispetto alla partita interna che sta andando in scena in casa Fiorentina. Sarebbe davvero un delitto, perché al di là delle vicende sul rinnovo di Prandelli, la Fiorentina, già da oggi, si gioca una delle otto finali che contraddistingueranno il finale di stagione. E l´obiettivo dell´Europa, qualsiasi essa sia, diventa ogni partita più importante. E pressante. Ecco perché, oggi, contro l´Udinese di Marino, Gilardino e compagni dovranno cercare di tornare immediatamente ai tre punti dopo la batosta di Catania.
LA PRESENZA del bomber, quantomeno, rappresenta forse la notizia migliore per una squadra che dovrebbe anche recuperare Vargas, sul quale l´ottimismo è andato crescendo negli ultimi giorni. I progressi del peruviano, alle prese con problemi alla caviglia, sono cominciati all´indomani della sconfitta catanese e seppure non ci siano ancora nelle gambe tutti i novanta minuti di gioco la sensazione è che Prandelli voglia comunque provarlo dal primo minuto. Se Vargas non fosse in grado di partire da titolare ci sarebbe Gobbi pronto a sostituirlo, così come del resto accaduto nelle ultime gare, altrimenti l´avvicendamento potrebbe avvenire a gara in corso. Ma le buone notizie, almeno in ambito di formazione, non si esauriscono qui. Rimasto a risposo, Cristiano Zanetti, è di nuovo pronto a riprendersi il ruolo da mediano al fianco di Montolivo e il suo ritorno dal primo minuto, di certo, assicura qualità al reparto mediano in particolare difficoltà contro Mascara e compagni. Resta confermata anche la presenza a destra di Santana, per Marchionni sarà fondamentale la prossima settimana per tornare a disposizione in vista della trasferta di Parma, mentre qualcosa cambierà in difesa.

NATALI non ha troppo accusato la ferita alla testa causata dello scontro con Montolivo, ma complice la squalifica scontata da Pasqual, che andrà a sinistra, sarà Felipe il centrale incaricato di affiancare Kroldrup. L´altro avvicendamento sarà invece sulla destra con Comotto che prenderà il posto di De Silvestri. Spazio, dunque, al 4-4-1-1 che Prandelli sta proponendo nell´ultimo mese. Contro l´Udinese la Fiorentina si affiderà ancora alle invenzioni offensive di Jovetic alle spalle di Gilardino, mentre la linea mediana, più folta, avrà il compito di rifornire i due riferimenti offensivi.

Tommaso Loreto - La Nazione

Fonte: violanews.com