Verso Parma-Fiorentina: come stanno le due squadre

01-04-2010 -

Target al ribasso, come quelli di un management aziendale che si ridimensiona. Corvino docet: «Lotteremo dietro le prime quattro». Tutto lì, e così la centrifuga di emozioni viola ora gira meno euforica, e i cuori si devono scaldare per l´Europa League. Sul piatto della sfida di sabato a Parma in fondo c´è questo e qualche rospo mandato giù da riscattare, come il 3-2 subito al Franchi all´andata.
Al Tardini, dunque, serve concretezza. Prandelli potrebbe ripresentare la Fiorentina vista con l´Udinese. Un 4-4-1-1 con Gila e Jovetic davanti e due esterni in grado di far male, Santana e Vargas. Sempre che il peruviano riesca ad andare oltre i 45 minuti giocati domenica. Perno di centrocampo Montolivo, e accanto a lui si contendono una maglia Bolatti, Zanetti e Donadel, anche se l´ultimo sembra quello più in forma. Linea di difesa ancora in emergenza per l´assenza di Gamberini, che dovrà aspettare una ventina di giorni prima di rientrare. Così l´ipotesi più accreditata è quella con Kroldrup e Felipe centrali, Pasqual a sinistra e De Silvestri a destra, per ora favorito a Comotto.
Ma sorpasso ed Europa sono imperativi anche del Parma, che ora mira a un traguardo poco prevedibile a inizio stagione. E se di scontro diretto per un obiettivo comune aveva parlato il tecnico Guidolin nei giorni scorsi, adesso è toccato ai giocatori scoprire le carte: «La Fiorentina è una grande squadra - ha detto l´attaccante Hernan Crespo - abituata da anni a giocare grandi partite. Ma noi giochiamo in casa e cercheremo di far valere il fattore campo». Sulla stessa lunghezza d´onda l´ex viola Jimenez: «Non abbiamo niente da perdere, siamo tranquilli e possiamo divertirci. Abbiamo davanti a noi una grande occasione. Proveremo ad arrivare in Europa». Poi sulle questioni di casa viola: «Sinceramente non è il massimo quando ci sono situazioni interne come quelle di cui ho letto - continua Jimenez - però a scendere in campo sono i calciatori. Che vorranno arrivare al quarto posto». I problemi in casa Parma sono a centrocampo. Squalificato Galloppa, infortunato Dzemaili, dovrebbe toccare a Lunardini e Antonelli affiancare capitan Morrone. Con Jimenez a supporto delle due punte. Bojinov, Biabiany e Crespo si giocano le due maglie in palio con i primi due favoriti. La difesa a quattro sarà invece composta da Zaccardo, Paci, Dellafiore e Castellini. In porta confermato Mirante. Arbitrerà Andrea De Marco, genovese, 37 anni, un neo nel curriculum per un paio di sviste in Roma-Siena del 2008.

La Repubblica

Fonte: violanews.com