Rossi: ´´Jovetic? Manca poco al suo ritorno´´

26-11-2011 18:54 -

Vigilia di Palermo-Fiorentina, nella sala stampa "Manuela Righini" ecco Delio Rossi. Così il tecnico viola presenta la sfida contro il suo passato: ""Il ritorno a Palermo? Devo ringraziare Zamparini perché mi ha dato la possibilità di conoscere un gruppo di giocatori che ha dato molto dal punto di vista umano, tutti i ragazzi hanno dato grande disponibilità, la vecchia guardia è stata la forza trainante del Palermo. Ho conosciuto una terra fantastica e gente fantastica, hanno avuto sempre rispetto del mio lavoro. L´ambiente ha capito che ho cercato di fare il massimo, abbiamo avuto anche ottimi risultati. Abbiamo portato 45mila tifosi del Palermo all´Olimpico per la finale di Coppa Italia, peccato che non è rimasto in bacheca un trofeo. La finale è bella, soprattutto se la vinci. Zamparini è una persona molto competente, abbiamo il modo di interpretare il ruolo dell´allenatore in modo diverso, questo era l´unico - grande - problema. Per Zamparini è un derby? Ci tiene tantissimo, così come ci tengo io. Vorrei che la Fiorentina giocasse da...Fiorentina. Nelle grandi squadre la differenza viene fatta dai grandi giocatori: però non risolve un problema un unico giocatore, è un discorso globale, poi è ovvio che la differenza viene fatta dai giocatori. Vedo che Gilardino non sta bene, ma si sta impegnando, se uno ha qualità prima o poi le tira fuori. Ho mille problemi, non solo Gilardino. Il calo con l´ Empoli negli ultimi minuti? Non è un discorso mentale, abbiamo perso il razocinio a metà campo. Se la squadra è pronta per domani? Io ho delle sensazioni, poi però posso rispondere domani: penso sempre a vincere. In questo momento devo portare tutti a regime, anche Gilardino, devo poi dare un gioco: in questo momento ho tanti giocatori in difficoltà, alcuni - un esempio è Jovetic - non li ho nemmeno visti. Il paragone con Prandelli? Adesso mi sembra un po´ blasfemo, lui ha fatto di più rispetto a me. Vargas deve migliorare ma ha un atteggiamento giusto, per domani è disponibile, così come è disponibile Pasqual: non porto gente a fare le gite, quindi se è nella lista dei convocati vuol dire che sta bene. Io devo trovare un sistema di gioco che riesca a coinvolgere giocatori più bravi. Devo lavorare con calciatori bravi e che credono nella Fiorentina. La personalità? Non che uno ha personalità in casa e meno personalità fuori, più o meno è la stessa cosa. Devo avere una squadra compatta sia in casa che fuori. Nastasic? Ha personalità, ma stiamo parlando di un ragazzo del ´93, però ha qualità: dobbiamo lavorare, penso che il futuro sia dei giovani però bisogna fare attenzione anche agli alti e bassi, questo vale per tutti i giovani. Se hai la continuità, vuol dire che sei un veterano o che sei un fenomeno. Chi toglierei al Palermo? In verità, mi basterebbe giocare con la Fiorentina al completo. Sono rimasto legato a Palermo, non so come reagirò io e non so come reagiranno gli altri: non mi aspetto niente, perché vado da avversario, non da amico. Magari ci sarà affetto personale, poi vediamo. Anche se ricevessi i fischi so quanta stima hanno nei miei confronti, l´importante è ricevere un giudizio, vorrei non passare inosservato. Mangia? Quello di Palermo è un ambiente sereno. Jovetic? Prima di venire a Firenze, avevo detto che Jovetic era il giocatore che mi aveva impressionato di più, lo dico anche adesso ma in pratica non l´ho mai allenato. Non gioco sulla salute di un giocatore, non forzerò mai un giocatore, è lui che deve fare il massimo per dare la disponibilità. Se un ragazzo mi dice di stare al 50%, io dico che c´è qualcosa che non va: lui deve essere al 100%, poi decido io se gioca. Siamo vicini al pieno recupero di Jovetic, però non dobbiamo parlare di chi non c´è. Cerci ha delle qualità, così come altri giocatori, non è che ha vinto un concorso per venire alla Fiorentina. Tre componenti devono funzionare in un giocatore: quelle tecniche, tattiche e comportamentali. Dovrò trovare la soluzione giusta per Cerci, non so se riuscirò: se ho un solo... cubo di Rubik va bene, se ne ho 25 serve molto tempo".

Niccolò Gramigni

Fonte: violanews.com