Ranieri: "Firenze, ho una voglia matta"

15-05-2012 08:40 -

Ranieri: "Firenze, ho una voglia matta"
Pubblicato il 15 maggio 2012 07:10

Sul Corriere dello Sport-Stadio troviamo un´interessante intervista a Claudio Ranieri, riportiamo qualche dichiarazioni di quello che potrebbe essere il nuovo tecnico viola.
Ranieri, è vero che c´è stato un contatto con la Fiorentina e, dunque, la possibilità di un suo ritorno? Insomma è fra i candidati alla successione di Rossi?
«Per la verità al momento c´è stato solo un pour parler. So che i Della Valle vogliono fare qualcosa di importante e quindi ho chiesto di potermi incontrare con loro. Tutto qui».
[...]
«Se davvero mi richiamassero e se con i Della Valle dovesse andare a buon fine, sarebbe un onore anche perché sono personalmente motivatissimo».
Non si sente vecchio? Non le pesano gli ultimi insuccessi, gli esoneri?
«Vecchio? Io ho più voglia di prima. Vi faccio notare che gli insuccessi a cui fate riferimento sono riferiti alle due stagioni alla Juve nelle quali alla prima, dopo una ripartenza che doveva essere soltanto di riorganizzazione, arrivammo secondi, mentre l´anno seguente fui licenziato con la squadra ancora nelle prime posizioni e a poche giornate dalla fine. Per quanto riguarda la Roma, sono arrivato il primo anno a mezz´ora dallo scudetto e il secondo anno me ne sono andato perché avevo visto cose che non mi piacevano. Se fate i conti, per quanto riguarda la mia presenza all´Inter quest´anno vedrete che ho fatto più punti io di chi è venuto prima e dopo di me. Sono motivatissimo, e cerco solo l´occasione per dimostrarlo, magari proprio a Firenze dove c´è una città che ama il calcio vero, il calcio bello e che sono convinto aspetta solo l´occasione per tornare a divertirsi e tifare».

Intanto, però, la continuano a corteggiare in Inghilterra, dove l´allenatore made in Italy sta dimostrando di avere una marcia in più.
«Di proposte me ne sono arrivate diverse, le valuterò tutte, ma Firenze resterà comunque nel mio cuore, qualunque sia la svolta della mia carriera. Ma di una cosa dovete essere certi: io sono motivato quanto lo ero il giorno che assunsi la responsabilità di riportare la Fiorentina in A di di rilanciarla a livello europeo».

NIC.GRA.

Fonte: violanews.com