Roncaglia: "Firenze è già nel mio cuore"

13-10-2012 10:12 -

Sul settimanale della Gazzetta dello Sport SportWeek troviamo un´intervista esclusiva a Facundo Roncaglia, ormai idolo dei tifosi viola. Si chiede al difensore una risposta a temi...particolari, vi proponiamo i più interessanti.
Quando Bolt ha fatto il record del 200 scappava da Facundo. Da piccolo, rincorreva o scappava?
"Scappavo dai miei e rincorrevo gli altri. Sono stato un bambino terribile".
Quando Facundo ha visto gli All Blacks ballare l´haka, si è chiesto: sono allo Zecchino d´Oro? Come si carica, prima di una partita?
"Ascolto in cuffia musica argentina".

Roncaglia parla poi della sua maturazione: "Sono maturato, anagraficamente e nella testa. E ho capito che quando vado in pressione sull´attaccante devo essere irruente". Ma c´è un intervento che oggi vorrebbe cancellare, "In Libertadores, contro l´Estudiantes: una gomitata nei denti. Gliel´ho tirata forte davvero".

In suo onore i tifosi hanno scritto perfino la "Facundo Commedia", una sorte di ode anti-Juve. Quando ha capito che pure Firenze ha un derby, quello contro i bianconeri?
"La sera della partita contro di loro: lo stadio pieno, la gente che cantava... Sembrava di stare in Argentina. La Fiorentina mi è entrata nel cuore. Dopo il Boca, c´è lei. Estudiantes ed Espanyol, dove pure ho giocato, non le considero".
Quando Facundo incontra l´Uomo Nero, questo diventa l´Omino Bianco. Cosa le faceva paura da piccolo?
"Restare solo".
Chi ha visto la sua faccia cattiva?
"Mia mamma e la mia ex moglie: litigavano in continuazione e cercavano di tirarmi ciascuna dalla sua parte. A un certo punto le ho prese e ho detto: tenetemi fuori dai vostri problemi!".


Roncaglia, sul futuro, è certo: "Se il mio sogno è diventare il miglior difensore del mondo? Lo sarò, lo sarò, tranquillo".
E infinea...
Ma non teme che, a furia di passare da duro, per la gente diventi un cattivo?
"No. Io sono un pezzo di pane, non l´hai ancora capito?".

NIC.GRA.

Fonte: violanews.com