Corvino guarda ancora a Est e punta Ignjovski

21-07-2010 -

Vendere per poi ricominciare ad acquistare. Anzi, no. Pantaleo Corvino ha deciso di dare una nuova sterzata al suo mercato. E così prima di vedere partire Vargas, Frey o forse Donadel e magari Comotto, è molto probabile che il ds viola consegni a Mihajlovic un altro giocatore.
La sensazione è che Corvino possa avere in mano un nuovo colpo a sorpresa e ci sarebbero già un paio di indiziati da tenere sotto controllo. Il primo conferma il grande interesse della Fiorentina nei confronti del calcio dell´Est. Il quotidiano «Sueddeutsche Zeitung», ad esempio, da´ molta rilevanza alla notizia che il baby campione (classe 1991) delle 1860 Monaco, Aleksander Ignjovski, sia nel mirino della Fiorentina, sottolineando che Corvino avrebbe anche già fatto il prezzo giusto per portarsi a casa il giovane centrocampista di nazionalità serba: 3,5 milioni di euro.
Ignjovski (seguito anche da Napoli ed Everton) è considerato uno dei maggiori talenti del calcio dell´Est ed è in vendita perché il Monaco 1860 non naviga un buone acque. Il giocatore ha un contratto in scadenza nel giugno 2011 e di conseguenza questa sessione di mercato può essere l´ultima per il club tedesco per monetizzare al massimo il suo cartellino. Centrocampista interdittore e con già una buona esperienza internazionale, l´eventuale operazione Ignjovski ricorda molto da vicino quanto Corvino ha già fatto con i vari Kuzmanovic, Jovetic e Ljajic.
Dal centrocampo alla difesa. Qui la pista da seguire è quella che porta al jolly, esterno destro, dello Shakhtar (Ucraina), Pereira Junior Ilsinho. Il brasiliano (classe ´85), con in tasca anche il passaporto italiano e quindi comunitario, è stato contattato dalla Fiorentina (e dalla Roma) che potrebbe ingaggiarlo a costo zero, visto che si è svincolato dal club ucraino lo scorso 30 giugno.
L´operazione permetterebbe così alla società viola di investire solo ed esclusivamente sul contratto da garantire al giocatore che tatticamente per Mihajlovic potrebbe rivelarsi utile come alternativa a tutti gli uomini della fascia destra, da De Silvestri a Marchionni e Santana.

Riccardo Galli - La Nazione

Fonte: violanews.com